martedì 21 dicembre 2010

ma che li fate a fa'?


“Ve ringrazzio de core, brava gente,
pé li presepi che me preparate,
ma che li fate a fa’? si poi v’odiate,
si de st’amore nun capite gnente…
Pe ‘st’amore so’ nato e ce so ‘ morto,
da secoli lo spargo dalla croce,
ma la parola mia pare ‘na voce
sperduta ner deserto, senza ascorto.
La gente fa er presepe e nun me sente;
cerca sempre de fallo più sfarzoso,
però cià er core freddo e indifferente
e nun capisce che senza l’amore
er presepe più ricco e più costoso
è cianfrusaja che nun cià valore”.

Trilussa


(In foto, il mio 'sfarzosissimo' presepe di quest'anno...)





3 commenti:

Alessandro Iapino ha detto...

un ringraziamento per la citazione a don gabriele quinzi

il moralista ha detto...

che onore, la parentela co' sittale autore! ;)

Alessandro Iapino ha detto...

vorrei, un giorno, finalmente vedere le prove di sì millantata parentela... io almeno il cognome di uno famoso ce l'ho ;-)